società cooperativa sociale agricola

Approfondimento: Caresà e l'agricoltura biologica

Prepariamo i nostri piani colturali stagionali tenendo conto di più elementi:

  • il gradimento e le preferenze dei clienti;
  • le possibilità produttive rispetto agli spazi disponibili e alla manodopera a disposizione;
  • i tempi di sviluppo e maturazione degli ortaggi coltivati;
  • il controllo delle erbe accompagnatrici;
  • l'implementazione più efficace dell'impianto di irrigazione: alcune colture necessitano di irrigazione a goccia con manichetta per evitare la stagnazione di acqua sulle foglie, altre apprezzano l'irrigazione a getto nebulizzato;
  • lasciare un tempo di riposo fra una coltura e l'altra;
  • gli avvicendamenti: è una pratica che prevede la successione di specie diverse coltivate nello stesso appezzamento.

“L'avvicendamento porta grandi vantaggi in termini di fertilità del terreno: infatti i diversi periodi di coltivazione delle varie colture, i tipi d'apparato radicale (fascicolato/fittonante, superficiale/profondo, folto/rado), le diverse quantità e caratteristiche dei residui colturali, la diversa ospitalità offerta ai parassiti, le differenti esigenze nutrizionali e tecniche colturali possono essere combinate in una sequenza virtuosa capace di mantenere il terreno fertile nei suoi aspetti biologici, fisici e chimici.” (tratto da “Avvicendamenti, consociazioni e fertilità del suolo in agricoltura biologica” edito da Veneto Agricoltura).

  • le consociazioni: si coltivano in parallelo piante sgradite l'una ai parassiti dell'altra;
  • i sovesci: è una tecnica polifunzionale utilizzata in agricoltura biologica tra le altre cose per fertilizzare, proteggere il suolo e la falda idrica, contribuire alla stabilità strutturale del terreno, limitare le infestanti (vedi allegato). Nel concreto il sovescio è l'impianto di una coltura erbacea con essenze in purezza o consociate, destinata ad essere sfalciata, fatta seccare e interrata. E' una tecnica strategica particolarmente nella fase di conversione. Per esempio ad Arzergrande noi abbiamo avuto in affitto i terreni nel mese di novembre 2008. Ad esempio da novembre 2008 fino a giugno 2009 il terreno è stato occupato da un sovescio di orzo, loietto e veccia.

Inoltre poniamo attenzione alla piantumazione di siepi ed alberi che ricreano il paesaggio, danno ospitalità ai predatori naturali dei parassiti e fungono da barriera fisica a possibili inquinamenti esterni.

Nel concreto attualmente gestiamo con contratti di affitto diversi i seguenti appezzamenti di terreno:
2,5 ha. siti ad Arzergrande;
1,4 ha. circa siti a Piove di Sacco;
2,8 ha. siti a Brugine.
Abbiamo 5 diversi proprietari con cui relazionarci.
Coltiviamo la maggiore varietà possibile di ortaggi di stagione. Come frutta riusciamo all'oggi a produrre fragole, meloni ed angurie.
Produciamo inoltre diverse varietà di leguminose e graminacee per consumo alimentare.
Sempre utilizzando i nostri ortaggi realizziamo dei trasformati sfiziosi e particolari.

Caresà – società cooperativa sociale agricola
Iscr. Albo Società Cooperative sez. a mutualità prevalente di diritto A195156
Iscrizione Albo Regionale PD0164 - R.E.A.: 381883 – C.F. e P.I. 04341240283
sede legale: via Porto Inferiore, 2 – 35020 Brugine (PD)

x
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.