società cooperativa sociale agricola

Serata “LIBERA”

Serata “LIBERA”

Giovedì 21 marzo in occasione della XXIV Giornata della memoria e dell’impegno in memoria delle vittime di mafia organizzata da Libera organizziamo una cena preparata solo con prodotti biologici Caresà e Libera Terra.

>> MENU <<
++ Panelle di ceci con spinaci
++ Friselline con salsa mediterranea di pomodorini secchi e crema di mozzarella di bufala
++ Anelletti al forno con ragù vegetale di cicerchia e scamorza di bufala
++ Polpette di lenticchie e carote con insalata di stagione
++ Cassatine di ricotta di bufala e cioccolato con marmellata di arance rosse

++ PRENOTAZIONI AL 338 4147030 ++

Costo 25 euro a persona (esclusi vini, liquori e caffè)

>> OSPITE DELLA SERATA <<

Francesco Citarda, presidente della cooperativa Placido Rizzotto Libera Terra, che ci racconterà la sua esperienza nel mondo di Libera e il suo impegno nella lotta alle mafie.

La Cooperativa Placido Rizzotto nasce nel Novembre 2001 ed è la prima cooperativa di giovani costituita per la gestione delle terre confiscate alla mafia site nel territorio dei Comuni del Consorzio Sviluppo e Legalità dove effettua l’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati, creando opportunità occupazionali ispirandosi ai principi della solidarietà e della legalità. Il metodo di coltivazione scelto sin dall’inizio è quello biologico e le produzioni sono tutte artigianali, al fine di garantire la bontà e la qualità dei prodotti che conservano il sapore antico della tradizione siciliana.

>> XXIV GIORNATA DELLA MEMORIA E DELL’IMPEGNO IN MEMORIA DELLE VITTIME DI MAFIA <<

“Passaggio a Nord Est. Orizzonti di giustizia sociale” è il titolo scelto per la 24a Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie che da Padova farà risuonare – in contemporanea con migliaia di piazze del mondo – i nomi delle oltre 900 vittime di mafia.

La giornata nasce 24 anni fa dal dolore di una madre che, in occasione del primo anniversario della strage di Capaci, si avvicinò a don Ciotti e gli disse: «Sono la mamma di Antonino Montinaro, il caposcorta di Giovanni Falcone. Perché il nome di mio figlio non lo dicono mai? È morto come gli altri». Da allora ogni anno, il primo giorno di primavera, migliaia di persone si riuniscono nelle piazze d’Italia, dell’Europa e dell’America Latina per leggere, simultaneamente, l’interminabile “rosario civile”.

L'agricoltura sociale secondo Caresà

Relazioni, Inclusione e Agricoltura Biologica: CI STAI?
Fai tuo il manifesto di Caresà!

Leggi tutto »

Caresà – società cooperativa sociale agricola
Iscr. Albo Società Cooperative sez. a mutualità prevalente di diritto A195156
Iscrizione Albo Regionale PD0164 - R.E.A.: 381883 – C.F. e P.I. 04341240283
sede legale: via Porto Inferiore, 2 – 35020 Brugine (PD)

x
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.